Seleziona una pagina

Assicurazione per l’invalidità (AI)

Copertura del fabbisogno vitale in caso di invalidità

$

Informazioni base

$

Rilevamento e intervento tempestivo

$

Provvedimenti d’integrazione

$

Indennità giornaliere dell’AI

$

Rendite d’invalidità

$

Altre prestazioni

Informazioni base

In caso d'invalidità, l'assicurazione invalidità (AI) garantisce il sostentamento delle persone assicurate con misure d'integrazione e prestazioni in contanti. Il principio fondamentale dell’AI è la «priorità dell’integrazione sulla rendita», motivo per cui le misure di integrazione vengono adottate in primis.

L’AI è finanziata, tra l’altro, dai contributi obbligatori degli assicurati e dei datori di lavoro.

Gli assicurati che intendono far valere il diritto a prestazioni dell’AI devono presentare quanto prima una richiesta all’ufficio AI del loro Cantone di domicilio. L’ufficio dell'AI è poi competente per determinare il grado d'invalidità e per elaborare le prestazioni dell'AI. Se la persona assicurata è affiliata all'AGRAPI, l'eventuale indennità giornaliera AI o la rendita AI sarà calcolata e versata dall'AGRAPI. Le date di versamento mensili delle prestazioni dell'AI versate dall'AGRAPI sono riportate nel documento "Date di versamento delle prestazioni dell'AI".

Rilevamento e intervento tempestivo

Il rilevamento e l’intervento tempestivo sono mezzi di prevenzione utilizzati dall’assicurazione invalidità (AI) per individuare rapidamente le persone che presentano i primi segnali di un rischio d’invalidità.

Rilevamento tempestivo

Lo scopo del rilevamento tempestivo è quello di stabilire in una fase iniziale se è necessario adottare misure preventive, per persone la cui capacità al lavoro è ridota per ragioni di salute e i cui disturbi di salute rischiano di diventare cronici. Se l’ufficio AI giunge alla conclusione che senza provvedimenti adeguati vi è un rischio d’invalidità, invita la persona interessata a inoltrare una richiesta di prestazioni AI.

Sono autorizzate a comunicare un caso di rilevamento tempestivo svariate persone. Un elenco dettagliato e maggiori informazioni sul rilevamento tempestivo sono disponibili nell’opuscolo 4.12 “Rilevamento e intervento tempestivi”

Intervento tempestivo

Lo scopo dell’intervento tempestivo è di intervenire il più rapidamente possibile per far sì che l’assicurato possa mantenere il posto di lavoro attuale o essere integrato in un altro. La fase d’intervento tempestivo inizia con l’inoltro della richiesta di integrazione professionale/Rendita e mira a contenere un eventuale peggioramento dello stato di salute.

Ulteriori informazioni

In caso di domande riguardante il rilevamento e intervento tempestivo, si prega di consultare l’opuscolo informativo o di contattare l’ufficio AI del vostro cantone di domicilio.

Provvedimenti d’integrazione

Le misure di integrazione hanno lo scopo di prevenire, ridurre o eliminare l’invalidità. I provvedimenti sanitari, di reinserimento, professionali o come i mezzi ausiliari fanno parte delle misure di integrazione. Durante il periodo di integrazione, gli assicurati hanno diritto all’indennità giornaliera e al rimborso delle spese di viaggio e di custodia.

Provvedimenti sanitari d’integrazione

Nel caso di assicurati che non hanno ancora compiuto 20 anni, l’AI copre i costi di provvedimenti sanitari che favoriscono direttamente l’integrazione professionale e sono atti a migliorare in modo duraturo e sostanziale la capacità al guadagno o ad evitarne una diminuzione considerevole. Per questo motivo, l’AI può coprire i costi per provvedimenti come, ad esempio, trattamenti fisioterapeutici o prescrizione di farmaci riconosciuti, collegati all’integrazione professionale. Inoltre, l’AI copre i costi dei provvedimenti sanitari necessari per la cura dell’infermità congenita, senza tener conto della futura capacità al guadagno. Per ulteriori informazioni sui provvedimenti sanitari si prega di consultare l’opuscolo 4.16 “Prestazioni dell’AI per i minorenni” in basso.

Preparazione all’integrazione professionale

La riabilitazione socioprofessionale e i provvedimenti d'occupazione devono permettere di porre le condizioni, per attuare provvedimenti professionali nell'ottica dell'integrazione nel mercato del lavoro primario, in particolare per persone con limitazione psicologicamente indotte.

Le misure professionali

Le misure professionali hanno la funzione di sostenere in modo mirato la persona assicurata e l'azienda in cui lavora. Tali misure includono l’orientamento professionale, lavoro a titolo di prova, inoltre l’AI assume i costi per la formazione e la riformazione professionale. Per ulteriori informazioni sui provvedimenti sanitari si prega di consultare l’opuscolo 4.09 “Provvedimenti d’integrazione professionale dell’AI” in basso.

Richiesta

Il diritto a un provvedimento d'integrazione viene fatto valere tramite il modulo di richiesta in basso presso l'ufficio AI del cantone di domicilio della persona assicurata. Si consiglia di presentare la domanda all'ufficio AI competente il più presto possibile, poiché i costi delle misure di integrazione sono coperti solo a partire dal momento in cui è stata presentata la domanda.

Ulteriori informazioni

In caso di domande riguardanti i provvedimenti d’integrazione, si prega di consultare gli opuscoli informativi o contattate l’ufficio AI del vostro cantone di domicilio.

Indennità giornaliere dell’AI

Le indennità giornaliere completano i provvedimenti d’integrazione dell’assicurazione per l’invalidità (AI) e sono destinate a garantire il sostentamento degli assicurati e delle loro famiglie durante il loro svolgimento.

Diritto

Hanno diritto ad una grande indennità giornaliera gli assicurati che hanno almeno 18 anni e sono sottoposti a una misura d’integrazione. Il diritto all’indennità giornaliera cessa al più tardi alla fine del mese in cui nasce il diritto ad una rendita di vecchiaia.

Tipi e importo dell'indennità giornaliera

L'importo dell'indennità giornaliera dell'AI cambia a secondo se si beneficia di un'indennità giornaliera grande o piccola.

  • La grande indennità giornaliera: Gli assicurati a partire dai 18 anni che immediatamente prima del danno alla salute esercitavano un’attività lucrativa, hanno generalmente diritto all’80% del reddito soggetto all’AVS, guadagnato durante la loro ultima attività professionale prima dell’insorgere del danno alla salute.
  • Piccola indennità giornaliera: Gli assicurati che anno almeno 18 anni e che seguono la prima formazione professionale o che non hanno ancora compiuto 20 anni e che, non avendo ancora esercitato un’attività lucrativa, hanno diritto al 10% dell’importo massimo del guadagno giornaliero assicurato conformemente alla LAINF. Gli assicurati in corso di prima formazione professionale che, senza un danno alla salute, avrebbero terminato la loro formazione e si troverebbero già nella vita attiva ricevono il 30 % dell’importo massimo del guadagno giornaliero assicurato conformemente alla LAINF.

Tuttavia, l’importo dell’indennità di base è limitato. A questo si aggiungono eventuali prestazioni per figli. Per ulteriori informazioni riguardanti l’importo e il calcolo dell’indennità consultate l’opuscolo informativo 4.02 “Indennità giornaliere dell’AI”.

Richiesta

Der Anspruch auf Taggelder muss nicht separat geltend gemacht werden. Die IV-Stelle prüft den Anspruch von Amtes wegen, wenn die versicherte Person Eingliederungsmassnahmen erhält, welche Taggeldleistungen auslösen können.

Ulteriori informazioni

Falls Sie weitere Fragen zu den IV-Taggeldern haben, konsultieren Sie bitte die Merkblätter. Wünschen Sie zusätzliche Informationen, melden Sie sich grundsätzlich bitte bei der IV-Stelle des Wohnsitzkantons der versicherten Person. Bei Unklarheiten bezüglich der Berechnung und Zahlung der Taggelder sind wir auch per E-Mail oder telefonisch für Sie erreichbar.

Moduli relativi alla rendita di vecchiaia

Raccolta completa dei moduli dell’AVS/AI

Rendite d’invalidità

La rendita dell’AI è destinata a sostituire il reddito delle persone assicurate che hanno subito un danno alla salute di lunga durata che impedisce in parte o del tutto l’esercizio dell’attività lucrativa.

Diritto

Il diritto ad una rendita d’invalidità sussiste in linea di principio solo se la capacità al guadagno o di svolgere le mansioni consuete non può essere ripristinata, mantenuta o migliorata mediante i provvedimenti d’integrazione. Con la nascita del diritto ad una rendita AI, se si adempiono determinate condizioni, può essere riconosciuto anche il diritto alla rendita per figli.

Determinazione del grado d’invalidità

Il metodo di calcolo del grado d’invalidità varia a seconda se la persona assicurata esercita, non esercita o esercita un'attività lucrativa a tempo parziale. Il grado di invalidità è uno dei fattori determinanti per l'importo della rendita d’invalidità:

  • grado di invalidità inferiore al 40% non dà diritto ad una rendita
  • grado di invalidità del 40-49% dà diritto a un quarto di rendita
  • grado di invalidità del 50-59% dà diritto a una mezza rendita
  • grado di invalidità del 60-69% dà diritto a tre quarti di rendita
  • grado di invalidità dal 70% dà diritto ad una rendita intera

Per informazioni dettagliate consultate l'opuscolo informativo 4.04 "Rendite d'invalidità AI" in basso.

Importo

Il calcolo della rendita d’invalidità si basa sugli stessi principi del calcolo dell'AVS. Questo significa che dipende, da un lato, dagli "anni di contribuzione computabili" e dall'altro, dal "reddito medio annuo determinante". L'importo delle rendite ordinarie dell'AI corrisponde alle rendite di vecchiaia dell'AVS, anche se il grado d'invalidità determina a quale rendita una persona ha diritto.

Richiesta

Il link per il modulo della richiesta ad una rendita AI si trova in basso. I richiedenti devono compilare il modulo e inoltrarlo all'ufficio AI del Cantone di domicilio. Gli indirizzi si trovano in basso, sotto "Contatti uffici AI".

Ulteriori informazioni

In caso di domande riguardanti le rendite AI, consultate gli opuscoli informativi. Se desiderate ulteriori informazioni, contattate l'ufficio AI del vostro Cantone di domicilio. Per chiarimenti, riguardo il calcolo ed il pagamento delle rendite AI, siamo a disposizione tramite posta elettronica o per telefono.

Altre prestazioni

Assegno per grandi invalidi dell’AVS

Lo scopo dell'assegno per grandi invalidi è quello di coprire i costi aggiuntivi dovuti ai problemi di salute, come le cure, il trasporto, i mezzi ausiliari e simili, per permettere alla persona assicurata di condurre una vita indipendente. Per ulteriori informazioni sull'assegno per grandi invalidi consultate l’opuscolo informativo 4.13 "Assegno per grandi invalidi dell’AI" in basso.

Contributo per l’assistenza dell’AI

Il contributo per l’assistenza ha lo scopo di aiutare l'assicurato ad organizzare autonomamente la sua situazione assistenziale, per adeguarla nel miglior modo alle sue necessità. Un contributo di assistenza è versato solo ai beneficiari di un assegno per grandi invalidi dell'AI e se ricevono un aiuto regolare. Ulteriori informazioni sono disponibili nell’opuscolo informativo 4.14 “Contributo per l’assistenza dell’AI” in basso.

Mezzi ausiliari

I mezzi ausiliari come gli apparecchi acustici, le carrozzelle e gli occhiali-lente possono permettere agli assicurati di continuare ad esercitare un’attività lucrativa o ad adempiere le mansioni consuete. Vari settori delle assicurazioni sociali si assumono i costi dei mezzi ausiliari. Per ulteriori informazioni sui mezzi ausiliari dell’AI consultate l’opuscolo informativo 4.03 “Mezzi ausiliari dell’AI" in basso.

Prestazioni complementari

Le prestazioni complementari hanno la funzione di garantire il livello minimo di sussistenza se le altre prestazioni delle assicurazioni sociali sono insufficienti. Maggiori informazioni riguardanti le prestazioni complementari sono disponibili qui.